Bioplastica: Cos'è, come si ricicla, e perchè è un'idea Green?

Da Nicola - Categoria : Filosofia Ecobio

La plastica è un problema! Sappiamo che, una volta dispersa nell'ambiente non si biodegrada e va ad accumularsi creando veri e propri disastri ecologici. Abbiamo visto enormi isole di rifiuti galleggianti nell'oceano, tartarughe ed animali marini uccisi da rifiuti di plastica e sappiamo che, ormai, le micro plastiche sono entrate persino nella nostra catena alimentare.

Non possiamo, però, dimenticarci che la gli imballi di plastica hanno anche un alto costo in termini di CO2 prodotta. Il ciclo di produzione della plastica, infatti, a partire dall'estrazione del petrolio, il trasporto, la raffinazione e la produzione degli imballi, fino al loro smaltimento ha un costo molto elevato in termini di Co2 prodotto rendendolo un materiale assolutamente poco sostenibile.

Per questo motivo molte delle aziende cosmetiche che proponiamo nel nostro shop, da sempre attente ai temi ambientali e fondate su un'etica green, stanno cercando di dare una risposta concreta all'esigenza di ridurre la plastica, proponendo imballaggi in materiali alternativi come il vetro e l'alluminio.; non sempre, però, questi materiali si adattano alle reali esigenze di prodotto, e non sempre queste soluzioni rappresentano una vera scelta ecologica, confermando la plastica come unica soluzione possibile.

Ecco perchè molte aziende hanno scelto di utilizzare la plastica Bio-Based.

bio plastica potentilla

Cos'è la plastica Bio Based?

Innanzitutto chiariamo subito un malinteso molto diffuso: La plastica bio-based non è plastica biodegradabile o compostabile,  la plastica bio based è plastica a tutti gli effetti, con caratteristiche chimiche e fisiche più o meno uguali.

Quello che fa la differenza è la sua origine: questo polimero, infatti, viene ricavato dagli scarti della lavorazione della canna da zucchero, andando ad abbattere drasticamente il saldo della CO2 prodotta.

Eos Natura, che ha recentemente rinnovato i suoi packaging adottando la bio plastica da canna da zucchero motiva la sua scelta così:

"Abbiamo a lungo considerato le diverse ipotesi possibili per un packaging più sostenibile e abbiamo scelto il PE da canna da zucchero in quanto ci da la reale garanzia di riduzione di emissioni di CO2, molto di più della canapa. La risposta richiede una precisazione per sfatare luoghi comuni frutto di marketing: anche se un materiale può sembrare GREEN, perchè proveniente, del tutto o parzialmente, da una fonte rinnovabile (BIOBASED) o essere BIODEGRADABILE, non significa che sia veramente SOSTENIBILE per l'ambiente, come si potrebbe pensare. Uno dei parametri più corretti e affidabili per misurare la sostenibilità di un prodotto è la valutazione delle emissioni di CO2 durante la sua vita. Per essere considerato realmente SOSTENIBILE, un prodotto deve esserlo a partire dalla materia prima, durante la produzione e nella valutazione dell’opzione di smaltimento a fine vita. Il Brasile è oggi il più grande produttore mondiale di canna da zucchero. Circa il 50% della produzione si utilizza per ottenere lo zucchero e il restante 50% per fare etanolo. L’industria della canna da zucchero porta dunque un grande contributo alla matrice energetica del paese ed ogni fase del processo è stata ottimizzata al massimo, a livello di costi e di impatto ambientale, in uno dei programmi più importanti a livello globale.

Il Brasile vanta infatti oggi uno dei programmi di riconversione energetica di maggior successo, nell’ambito della sostituzione dei combustibili fossili con fonti rinnovabili. Dalla canna da zucchero si ottengono: bagassa, scarto usato come combustibile per le fabbriche di zucchero e per la produzione di energia elettrica; etanolo, utilizzato principalmente come carburante per i veicoli e per la produzione del green PE. Inoltre anche le coltivazioni sono SOSTENIBILI e SOLIDALI, secondo un programma che salvaguardia l’ambiente e la biodiversità, il risparmio di acqua (non c’è irrigazione) e prodotti agrochimici, senza l’uso di pesticidi, OGM free e tutela dei lavoratori. Questo il motivo della nostra scelta."

bioplastica eos natura

Come si ricicla la Bio Plastica?

A differenza delle plastiche compostabili, che richiedono stabilimenti speciali per il compostaggio non sempre presenti in Italia, e che possono andare ad inquinare il ciclo di riciclaggio della plastica se gettate nel cassonetto sbagliato, le plastiche bio-based possono essere riciclate normalmente nel bidone della plastica e trasformarsi in nuovi flaconi o in altri contenitori senza consumare nuove risorse.

(Per un riciclo corretto dei flaconi in plastica lasciamo sotto il link al nostro approfondimento)

Bio Plastica  La Saponaria

La plastica Bio Based è la soluzione ai nostri problemi?

Purtroppo la risposta è NO: sostituire tutta la plastica prodotta oggi con plastica Bio Based rischierebbe di non essere più sostenibile per l'agricoltura, inoltre si tratta comunque di plastica con tutti i difetti che comporta. Occorre indubbiamente ripensare il modo di confezionare i prodotti riducendo la produzione ed il consumo di plastica ed ottimizzandone il ciclo del riciclo.

Nel frattempo è fondamentale consumare meno, consumare meglio, ridurre gli imballi, riciclare correttamente ed usare sempre la testa, ma la plastica Bio Based, secondo noi, è sicuramente un'ottima scelta green!

Articoli in relazione

Condividi

Cerca nel blog

Offer a gift card

  
Prodotto aggiunto alla wishlist
Prodotto aggiunto per il confronto.