Shampoo Ecobio: Istruzioni per l'uso

Pubblicato : 14/05/2015 17:53:48
Categorie : Capelli Ecobio

Una delle frasi che ci sentiamo dire più spesso è: "io uso solo cosmetici ecobio, ma per i capelli no! non riesco a trovare uno shampoo adatto a me!"

Molte persone, dopo aver provato uno shampoo ecobio, si lamentino di avere una spiacevole sensazione di capello poco pulito e indisciplinato o di sentire prurito alla cute.

In questo post vogliamo spiegarvi il perchè di queste sensazioni e darvi qualche consiglio su come approcciarvi al meglio all'uso degli shampoo ecobio per evitare spiacevoli esperienze e godere appieno dei loro benefici effetti sulla cute ed i capelli e ritrovare capelli più sani e luminosi.


Qual'è la differenza tra gli shampoo tradizionali e gli shampoo ecobio?

Le formulazioni classiche degli shampoo prevedono tensioattivi piuttosto aggressivi, che eliminano ogni traccia di sporco dai capelli, e ingredienti di sintesi (siliconi e polimeri) che rivestono il capello facendolo apparire compatto e lucido.

Il risultato visibile dopo lo shampoo è un capello pulito, luminoso e disciplinato: esattamente quello che volevamo!

In realtà il cuoio capelluto è stato aggredito causando secchezze o eccesso di sebo e i capelli si sono sfibrati e danneggiati, ma noi questo non lo vediamo.

Le formulazioni classiche degli shampoo ecobio fanno l'esatto contrario: sono formulate con tensioattivi spesso molto delicati e contengono estratti vegetali dallo scarso potere condizionante che tendono a "curare" il capello lentamente.

Per chi è abituato ad usare uno shampoo tradizionale che nel tempo gli ha danneggiato capelli e cuoi capelluto, il passaggio sarà piuttosto traumatico, perchè dovrà prima fare i conti con i suoi VERI capelli.


5 istruzioni per passare allo shampoo ecobio:

1) Iniziamo con formulazioni semplici

Meglio iniziare la conversione all'ecobio scegliendo uno shampoo semplice, adatto a lavaggi frequenti, e lavarsi i capelli ogni volta che se ne sente l'esigenza; anche più frequentemente del solito.
Il capello si starà "disintossicando" dai precedenti trattamenti e voi dovrete imparare a conoscere com'è veramente. 
Usare uno shampoo specifico (ad esempio per capelli grassi) potrebbe non fare al caso vostro perchè potreste scoprire che i vostri capelli sono diversi da come avete sempre pensato!

Qui trovate l'elenco degli shampoo in vendita sul nostro sito>>

Attenzione alla dose

Frequentemente gli shampoo ecobio sono venduti in formulazioni concentrate, ovvero con un'alta percentuale di tensioattivi e ingredienti attivi rispetto all'acqua e agli eccipienti; per questo motivo è necessario dosare attentamente lo shampoo ed eventualmente diluirlo con acqua utilizzando un bicchiere (in cui potrete segnare con un pennarello delle tacche per le dosi) o uno spargishampoo (potete realizzarne una versione economica acquistando un tubetto per salse tipo ketchup, meglio se trasparente e con le tacche, in un negozio di articoli per la casa). 


Il nostro consiglio è quello di diluire una dose di shampoo in 3 dosi di acqua, ma ricordatevi che ogni chioma è diversa e potrebbe servire una diluizione diversa, per cui se non vi trovate potete provare a ridurre o ad aumentare le parti di acqua.
Usando troppo shampoo si rischia di non riuscire a risciacquarlo completamente lasciando i capelli apparentemente sporchi e di aggredire il cuoio causando prurito.


Non affidiamoci alla schiuma

alcuni dei tensioattivi usati nella cosmesi eco-biologica sono molto poco schiumogeni e spesso si tende ad aumentare la dose dello shampoo per ricreare la schiuma densa a cui eravamo abituati, tornando ai problemi del punto precedente 


Usiamo il balsamo

Anche se non siamo abituati a farlo, anche se prima non ne sentivamo l'esigenza, è bene abbinare allo shampoo un buon balsamo o una maschera per capelli disciplinante (a meno che non si abbiano i capelli molto corti) per garantire una buona pettinabilità e ristrutturare il capello.

qui trovi l'elenco dei balsami>>

Finchè non avrete preso dimestichezza con i vostri nuovi prodotti, vi sconsigliamo di lanciarvi in esperimenti con maschere a base di oli o altri ingredienti, lasciate prima che il capello si abitui alla vostra nuova routine


Portiamo pazienza

Non avviliamoci dopo i primi tentativi e non ostiniamoci su prodotti che non fanno per noi!
Il vostro shampoo tradizionale di fiducia è arrivato dopo averne provati tanti con formulazioni spesso simili tra loro, e sicuramente il vostro shampoo ecobio del cuore arriverà dopo un'attenta ricerca e diverse prove, e forse il risultato finale sarà diverso dal risultato che vi dava lo shampoo tradizionale perchè i vostri capelli non sono comeapparivano, ma cercate di non perdere la speranza e, soprattutto, imparate ad ascoltare i vostri capelli!


Inoltre vi suggeriamo di leggere i nostri 5 trucchi per salvare i capelli che si spezzano facilmente

Se avete deciso di passare all'ecobio anche per la colorazione dei capelli o per la cura con erbe e polveri, vi suggeriamo il post riassuntivo sui dubbi e domande sulle erbe tintorie e i nostri consigli per un hennè perfetto in 10 mosse!

Il mio shampoo Biofficina Toscana

Proprio con l'idea di creare uno shampoo concentrato da utilizzare diluito, in sinergia con idrolati, Biofficina Toscana ha creato "Il Mio Shampoo" uno spargishampoo da utilizzare per diluire gli shampoo e gli idrolati.
Trovate info sulle proporzioni di diluizione direttamente sul loro blog:
Il mio shampoo: istruzioni per l'uso

Post correlati

Condividi

You must be registered

Clic here to register

Add a comment