Hennè perfetto in 10 mosse

Pubblicato : 12/11/2014 00:00:00
Categorie : Capelli Ecobio

Riceviamo spesso richieste di informazioni su come preparare l'hennè e come applicarlo, quindi ho deciso di scrivere un post in cui descrivo come lo faccio io.

Alcune doverose precisazioni:

- Spesso si usa il termine Hennè per indicare in generale le erbe tintorie (solitamente hennè (Rosso), indigo (nero), cassia (neutro) e mix di erbe) ma non tutte le erbe si preparano nello stesso modo. In questo post parlo dell'applicazione dell'Hennè Rosso (lawsonia) con un accenno ad un suo eventuale mix con indigo. Io ho utilizzato hennè Le erbe di Janas e Khadi

- Non c'è un modo giusto o un modo sbagliato di fare l'hennè ed è bene sperimentare più tecniche fino a trovare quella più adatta ai propri capelli, all'effetto che si desidera ottenere e al tempo a disposizione.
Vi suggeriamo di leggere anche gli altri nostri post sull'Hennè e le erbe tintorie per farvi un'idea più chiara.

Preparazione e applicazione dell'hennè (Lawsonia Inermis)


1) Versare la polvere di hennè in una ciotola capiente e setacciarla o passarla con un cucchiaio per eliminare tutti i grumi.
Suggerisco 100 g di polvere di hennè per capelli non più lunghi delle spalle (per la prima applicazione, specialmente se si devono coprire dei capelli bianchi, è bene utilizzare almeno 150 g).


2)  Impastare la polvere utilizzando un liquido leggermente acido aggiungendolo poco alla volta facendo attenzione che non si formino grumi (come potete vedere dalla foto qualche grumo l'ha fatto!) mantenendo una consistenza non troppo liquida per facilitarne l'applicazione ed evitare che coli durante la posa.

Io per l'ultima applicazione ho utilizzato acqua e succo di limone, mentre altre volte ho utilizzato del the nero(lasciato raffreddare) mentre mi è stato suggerito di provare l'infuso di ortica che ha anche effetti benefici sul cuoio capelluto.
Io ho sempre utilizzato liquidi freddi (a temperatura ambiente) mentre alcuni preferiscono utilizzare un liquido caldo e saltare la fase di ossidazione.

3) Lasciare ossidare per almeno un paio d'ore.
L'hennè ha bisogno di ossidarsi per iruscire a rilasciare al meglio il suo colore. c'è chi sostiene che sia meglio lasciarlo ossidare per un'intera notte, c'è chi non lo fa ossidare affatto, c'è chi preferisce miscelarlo con acqua calda e saltare il processo di ossidazione. Io ritengo che sia sufficiente coprirlo con pellicola trasparente (o meglio ancora con un piatto oun coperchio per evitare la velina usa e getta) e lasciarlo riposare per un paio d'ore.

4) Congelare e scongelare.
L'hennè può essere preparato in anticipo per poi essere congelato nel freezer e scongelato successivamente. Questa procedura, oltre a permetterci di preparare l'impasto con largo anticipo (si può anche preparare in abbondanza per poi usarlo in due applicazioni) permette all'hennè di liberare tutto il suo potere tintorio donando una colorazione più intensa.
Io solitamente preparo l'hennè durante la settimana quando ho un ritaglio di tempo, metto tutto in freezer un paio d'ore dopo e scongelo il giorno in cui voglio applicarlo ola sera prima.

5) Miscelare con altre erbe o ingredienti.
se si vogliono aggiungere altre erbe tintorie o altri ingredienti questo è il momento buono!
Se, ad esempio, si vuole ottenere un colore castano scuro potete aggiungere l'indigo preparato al momento con acqua, oppure si possono aggiungere miele o yogurt o oli vegetali per nutrire il capello. io di solito non aggiungo nulla.

6) Proteggere la pelle.
L'hennè, come sapete, viene usato anche per i tatuaggi proprio perchè ha un alto potere tintorio anche sulla pelle. per questo è bene applicare una generosa dose di olio o burro vegetale nella cute attorno all'attaccatura dei capelli per evitare di macchiarsi, inoltre è di fondamentale importanza utilizzare un paio di guanti per l'applicazione.


7) Applicare in quantità abbondante.
la prima volta che ho provato l'hennè me ne è avanzato tantissimo e non capivo perchè mi avessero consigliato di prepararne così tanto. L'hennè non è come le tinte chimiche ed è sempre meglio abbondare e fare attenzione ad applicare dalla radice fino alle punte. Io mi faccio aiutare da qualcuno ed utilizzo un pennellino da parrucchiera.
L'hennè può essere applicato sia sui capelli asciutti che sui capelli umidi. io preferisco applicarlo sui capelli asciutti perchè così non cola e riduco il rischio di cervicale, ma l'effetto finale non dovrebbe essere molto differente.

8) Avvolgere i capelli con pellicola trasparente o con una cuffia.
Coprendo i capelli con qualcosa di impermeabile (pellicola trasparente o una cuffia da bagno in plastica) si crea un micro clima caldo umido che facilita la presa del colore. per questo motivo è buona norma anche avvolgere la testa con un telo caldo.

9) Lasciare in posa più che si può.
più tempo avete a disposizione per lasciare l'hennè in posa e migliore sarà il risultato finale! Io di solito lo tengo in posa almeno 3 ore, applicandolo il sabato mattina e sciacquandolo via dopo pranzo, ma c'è chi riuesce a tenerlo in posa tutta la notte con risultati ancora migliori. in ogni caso suggerisco di non tenerlo mai in posa meno di un'ora.

10) Sciacquare abbondantemente sotto l'acqua tiepida e continuare a sciaquare finchè l'acqua non torna limpida, facendo attenzione a rimuovere tutti i residui anche dalla cute. Alcuni lo sconsigliano, ma io non riesco a fare a meno di un passaggio finale con una piccola noce di shampoo delicato.
Dopo l'applicazione dell'hennè è una buona cosa applicare una generosa dose di balsamo bio che nutrirà il capello e aiuterà a fissare il colore.


Mi farebbe piacere leggere i vostri commenti e suggerimenti da sperimentare nelle prossime applicazioni. Se avete qualche dubbio non esitate a chiedere.

Trovate tutti gli Hennè ed erbe tintorie sul nostro sito qui>>

Post correlati

Condividi

Devi essere registrato

Clic here to register

Add a comment